Carrello

    Gianni Canale

    Sono nato a Tione e risiedo a Tre Ville, ai piedi delle Dolomiti di Brenta, e posso dire che le montagne mi hanno affascinato da sempre. Ho trascorso i pomeriggi della mia infanzia e adolescenza giocando all’aperto: ho avuto la fortuna di nascere in un paesino a misura di bambino dove la convivenza con la natura è parte integrante da sempre nella vita di tutti. Con i miei genitori ho passato le estati nella nostra baita in montagna ma è stato il nonno Amelio che, quando avevo 10 anni, mi ha guidato alla scoperta del Gruppo di Brenta attraverso le famose ferrate della “La Via delle Bocchette”. La passione per la montagna ha guidato la maggior parte delle scelte nella mia vita. Mi sono laureato in Scienze forestali presso l’Università di Padova. Ricordo che ogni fine settimana tornavo a casa per arrampicare nelle vicine falesie di Preore e Coltura e visitare sempre più assiduamente le pareti delle Dolomiti di Brenta, le “mie” montagne di casa. Apprezzo la montagna in tutte le stagioni e sfaccettature, dallo sci alpinismo alle cascate di ghiaccio, dalle arrampicate tradizionali a quelle sportive, fino ai semplici sentieri che conducono negli angoli più remoti: diventare guida alpina è stato quindi un percorso venuto da sé. La curiosità mi ha spinto anche a visitare montagne di paesi lontani, dove ho conosciuto mia moglie Alejandra (In Patagnonia – Argentina) con la quale ho avuto due bambini Lucas e Diego. A loro cerco di trasmettere la stessa passione che mi è stata donata dalla mia famiglia.

    titolocollanaanno
    La Via delle NormaliRoccia d’autore2020