Carrello

    Val d’Adige plaisir

    32,00

    Uscita prevista: 03/07/2024
    Quantità
    Categoria:

    Già da diversi decenni la Val d’Adige riceve una buona frequentazione sulle pareti che sovrastano il grande fiume. Fino a non molti anni fa, però, gli arrampicatori si soffermavano sulle pareti più incombenti, quelle che, passando in autostrada o sulla statale, attirano l’attenzione degli appassionati. Si tratta delle pareti sul Monte Cimo, sopra il paese di Brentino, dove gli itinerari aperti sono in genere di alto livello. Lo stesso si può dire per le bellissime pareti sulla Chiusa di Ceraino. Il fiume, infatti, quasi alle porte di Verona abbandona la larga vallata per incunearsi in una stretta forra dove le pareti sono praticamente a pelo d’acqua. Anche queste sono state scalate fin dagli anni ‘70.
    Stranamente non si è mai data attenzione alle pareti, visibilmente più abbattute quindi più facili, che lambiscono il fiume poco più a sud del Monte Cimo ed esattamente sul Monte Cordespino, sopra il paese di Tessari. Solo da meno di 10 anni a questa parte si è iniziato a valutare che, proprio grazie alla facilità di accesso, di rientro, ma soprattutto di salita, queste pareti avevano la loro ragione di esistere. E così, alpinisti e arrampicatori, soprattutto veronesi, hanno trovato un terreno vergine tutto da esplorare. In pochi anni sono nate decine di vie adatte ai tanti che, per capacità o voglia, si divertono senza particolare stress, diventando ben frequentate anche dai corsi del CAI o delle Guide Alpine.
    Questa guida contiene le relazioni di più di 150 vie di bassa e media difficoltà. Gli autori hanno messo il tetto degli itinerari con difficoltà massima di 6b (a parte rari casi), e comunque bene attrezzate, per quelle sportive, o facilmente integrabili per quelle alpinistiche, con accesso e discesa comodi.


    • Editore: Idea Montagna
    • Collana: Arrampicata
    • Argomento: Libro
    • Pagine: 384
    • Pubblicato il: 2024
    • ISBN: 9791280483751
    Manuel Leorato

    Dal 2023 Istruttore Nazionale di Alpinismo del CAI. I profili delle Piccole Dolomiti visti dalla mia Valdalpone mi hanno sempre attratto, e dal 2000 indosso le scarpette da arrampicata, cercando un equilibrio tra avventura, estetica e comunicazione. Questa passione mi ha ispirato a creare Vertical Age, un progetto che unisce la montagna allo sport, alla cultura e al digitale. Come alpinista e grafico, cerco di catturare l’essenza delle esperienze in montagna attraverso progetti visivi. Con la mia esperienza di istruttore, aspiro a far scoprire la bellezza delle montagne e a superare i limiti in sicurezza senza sfide o atletismi, condividendo la mia passione per un alpinismo di ricerca ancora possibile.

    Christian Confente

    Veronese del 1986, nasce a Tregnago e ha vissuto tra i colli della Lessinia fino a 25 anni. Disegnatore/progettista, dal 2023 unisce l’utile al dilettevole nel settore del verde come tree climber. Le attività outdoor non mancano e scopre il gusto del verticale a metà del 2015 tra falesia e vie ferrate. Nel giro di qualche anno prende confidenza con le prime salite multipitch nella bassa Val d’Adige per poi avere il battesimo delle Dolomiti nel 2016, accompagnato da Manuel Leorato nel Gruppo del Brenta. Nello stesso anno si cimenta nella creazione di nuovi itinerari multipitch nella bassa Val d’Adige assieme al compagno di cordata e successivamente anche con Mario Brighente. Per dar voce alla sua passione, assieme a Simone e Manuel, è iscritto alla scuola di alpinismo di Montecchio Maggiore dove ad oggi è attivo come istruttore. Le sue attività di scoperta ed esplorazione continuano…

    Recensioni

    Ancora non ci sono recensioni.

    Recensisci per primo “Val d’Adige plaisir”

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *